Language : it
Currency : EUR

Il carrello è 0 Articoli

Prodotto aggiunto al tuo carrello

Quantità
Totale

Ci sono 0 articoli nel tuo carrello. Il tuo carrello contiene un oggetto.

Totale prodotti (Tasse incl.)
Totale spedizione (Tasse incl.) Spedizione gratuita!
Totale (Tasse incl.)
Continua lo shopping Procedi con il checkout

Azienda Agricola D' Apolito

Elenco di prodotti del produttore Azienda Agricola D'Apolito

L'area di produzione del Pecorino Carmasciano va dal monte Forcuso, verso la valle dell'Ufita, e viene estesa anche ai comuni compresi tra la valle dell'Ofanto, dell'Ufita, la valle d'Ansanto e l'altopiano del Formicoso. Caratteristica del territorio è la Mefite, fenomeno appartenente alla categoria del vulcanesimo minore, con emissioni di anidride carbonica ed acido solforico. Questi gas, trasportati dai venti, si depositano sull'erba, vengono respirati dagli animali e, molto probabilmente, contribuiscono a determinare la specificità del Carmasciano. Il territorio di produzione è ricco di pascoli che presentano una notevole variabilità floristica, che influenza l'aroma del latte e caratterizza in maniera marcata il flavour del formaggio.

La crescita aziendale è una filosofia insita nel conduttore, puntando, da subito, al miglioramento qualitativo delle produzioni. Infatti si sta cercando di migliorare la qualità dei prodotti, attraverso l'introduzione di tecniche colturali, soprattutto di difesa, che tengano conto dell'ambiente naturale circostante.


L'azienda si è subito connotata, per l'elevata dinamicità, determinata dalla continua ricerca di innovazione e miglioramento qualitativo dell'offerta produttiva, dinamicità legata anche ad una forza manageriale portatrice di nuove idee, e soprattutto, con una visione prospettica di lungo periodo. Come si è già accennato l'attività aziendale consiste soprattutto nella produzione di cereali, olio (autoconsumo) e l'allevamento di ovini. L'intero ciclo produttivo viene eseguito in azienda, tenendo conto, della naturale produzione, soprattutto evitando di forzare le colture. L'azienda, produce cereali e foraggio da reimpiegare nella zootecnia. Gli ovini in parte vengono venduti (agnelli) in parte servono per il latte: in azienda si producono ottimi formaggi (Carmasciano) di pecora nonché ricotte. La produzione di cereali à ottenuta rispettando le norme di buona pratica agricola (rotazioni quinquennali).


In azienda è stato realizzato un'impianto fotovoltaico da 10 Kwh. tale impianto è un importante opera a valenza ambientale, servirà a proiettare l'azienda nel campo non solo del risparmio energetico, ma soprattutto nell'ambito dei produttori di energia elettrica nel pieno rispetto dell'ambiente (da fonti rinnovabili). Inoltre, l'azienda ha deciso di introdurre macchinari che possano, in parte, mitigare gli effetti negativi causati dagli scarti di coltivazione.


L'area di produzione del Pecorino Carmasciano va dal monte Forcuso, verso la valle dell'Ufita, e viene estesa anche ai comuni compresi tra la valle dell'Ofanto, dell'Ufita, la valle d'Ansanto e l'altopiano del Formicoso. Caratteristica del territorio è la Mefite, fenomeno appartenente alla categoria del vulcanesimo minore, con emissioni di anidride carbonica ed acido solforico. Questi gas, trasportati dai venti, si depositano sull'erba, vengono respirati dagli animali e, molto probabilmente, contribuiscono a determinare la specificità del Carmasciano. Il territorio di produzione è ricco di pascoli che presentano una notevole variabilità floristica, che influenza l'aroma del latte e caratterizza in maniera marcata il flavour del formaggio.


La Laticauda ha avuto probabilmente origine dalla pecora Nord-Africana, formandosi, quindi, con successivi incroci con la pecora Appenninica locale e meticciamenti protrattisi a lungo. In passato prevaleva la transumanza, oggi gli allevamenti sono generalmente stanziali.
Attualmente essa presenta ben fissati i suoi caratteri ed il suo miglioramento è stato ottenuto da piccoli allevatori appassionati. È allevata in Campania particolarmente nelle province di Benevento e di Avellino. Viene allevata nella media collina in piccoli greggi che raramente raggiungono i 20 capi di consistenza.
La carne di Laticauda è molto ricercata per la delicatezza del sapore e dell'aroma, mentre il latte, di qualità eccellente e con un'elevata attitudine alla caseificazione, è utilizzato come materia prima per la produzione di formaggi pecorini con caratteristiche organolettiche uniche.


Il latte per la produzione del Carmasciano appena munto viene convogliato nei refrigeratori ad una temperatura di 5-6 °C. Poi questo latte, generalmente di due munte, viene conferito nel caseificio per essere trasformato. Il latte crudo viene portato a una temperatura di circa 36-40 °C, poi viene aggiunto il caglio. La cagliata in seguito viene rotta a forma di "chicchi di grano" per poi essere messa nelle "fuscelle". Questa operazione, qualche decennio fa veniva fatta in caldaie di rame stagnato. Oggi avviene in moderne caldaie d'acciaio.
La stagionatura varia dai 3-4 mesi ai 12-24 mesi. Dai 6 - 8 in poi, il formaggio Carmasciano, viene trattato con miscele di olio e aceto.
Il Carmasciano presenta una crosta color marrone, la pasta omogenaea di colore giallo paglierino intenso con rare occhiature, la struttura quasi sempre a scaglie, friabile e granulosa. Al naso presenta il sentore di latte, di erba tagliata da poco, di fiori di campo; al gusto è delicato, in alcuni casi piacevolmente piccante, molto ben equilibrato.
Queste "caciotte" poi vengono portate in celle frigorifere nelle quali avviene la salatura e la successiva stagionatura.


L'azienda agricola Moscillo Giuseppe è composta da 9 corpi aziendali, che ricadono nei comuni di Sant'Angelo dei Lombardi (AV) e Rocca San Felice (Av).


I comuni di Sant'Angelo dei Lombardi (Av) e Rocca San Felice (Av) ricadono nel territorio di Comunità Montana Alta Irpinia; L'areale è tradizionalmente vocata alla coltivazione di cereali e alla zootecnia.


L'azienda ricade in zona montana/svantaggiata ai sensi della Direttiva 75/268/CEE e s.m.i.


L'azienda non ricade in area ZPS (Direttiva 79/409/CEE).


L'azienda non ricade in zona SIC (Direttiva 92/43/CEE) della Rete NATURA 2000.


L'azienda non ricade in aree vulnerabili ai NITRATI (D.Lgs. n. 152/99; DGR n. 182/94).


Conduce l'azienda nel rispetto dei criteri di gestione obbligatoria (CGO) previsti dal regime di condizionalità di cui alla DGR n. 1969 del 16.11.2007, pubblicata sul BURC n. 64 del 10/12/2007.


Il centro aziendale è ubicato nel comune di Sant'Angelo dei Lombardi (AV) e dunque ricade nella MACROAREA D2.


Si estende su una superficie agricola totale (SAT) di ha 27.72.93, la superficie agricola utilizzata (SAU) complessiva è di ha 24.71.87.


Le colture attualmente praticate in azienda in regime non irriguo sono:



  1. Ha 19.44.19 Grano Duro

  2. Ha 02.45.63 Pascolo

  3. Ha 00.99.77 Olivo

  4. Ha 01.82.28 Incolto


L'azienda agricola attivata dal signor Moscillo Giuseppe opera in regime di agricoltura convenzionale.



In azienda sono presenti strutture adeguate per l'intera filiera produttiva; in particolare sono presenti strutture per il deposito delle macchine ed attrezzature agricole e dei mezzi tecnici di produzione e strutture idonee all'allevamento del bestiame (ovile) ed infine locali adeguati alla trasformazione della materia prima (minicaseificio aziendale).

Di Più
Attendere prego ...